Giuseppe e Agnese Lulich, i fondatori di Radio Voce nel Deserto

Storia di Radio Voce nel Deserto

Era l'epoca d'oro della radio. Parliamo del lontano 1978, quattro anni dopo la nascita delle prime radio libere. Radio Voce nel Deserto nasce nell'ambito della Chiesa Evangelica di Rovigo, con il contributo dato dai numerosi giovani della comunità e grazie al prezioso aiuto (anche economico) del Pastore Giuseppe Lulich e di sua moglie Agnese.

Il nome della radio è un nome profetico, apparentemente pomposo, e si rifà alla storia di Giovanni Battista, "la voce che grida nel deserto...". Ci piace pensare anche che c'è un altro motivo che non ha a che vedere direttamente con la fede: i programmi che vengono proposti da RVD necessitano spesso del silenzio e di concentrazione, come nel deserto.

Le prime trasmissioni erano semplici e spontanee; c'era un piccolo mixer, qualche microfono, alcuni dischi di vinile e un mare di cassette.. I programmi erano prevalentemente basati sull'Evangelo e consistevano nella lettura e spiegazione della Bibbia, nella proposta di musica cristiana e musica classica. Gli studi di trasmissione erano delle normali stanze, senza pretese, in cui rumori e disturbi erano all'ordine del giorno. Il rapporto con gli ascoltatori attraverso la radio era intenso e frequente perchè la radio era la novità di quegli anni e RVD parlava con un linguaggio semplice, alla portata di tutti.

Nel corso degli anni RVD ha cercato di rimanere al passo con i tempi e le consuete trasmissioni in diretta sono state affiancate a trasmissioni via satellite, notiziari nazionali e programmi preconfezionati i quali hanno forse migliorato la professionalità della radio ma sicuramente ci hanno fatto rimpiangere la freschezza e spontaneità delle prime trasmissioni improvvisate in diretta.

Oggi vengono utilizzati strumenti moderni e quindi i computers, l'elettronica e l'automazione sono diventate componenti fondamentali degli studi di trasmissione e del lavoro quotidiano alla radio. Il bacino d'utenza di RVD si è allargato fino a comprendere oltre alla provincia di Rovigo, parte della provincia di Padova e la città di Ferrara.

RVD continua ad essere gestita dalla Comunità Battista di Rovigo ed il messaggio che vuole offrire è l'annuncio dell'Evangelo. L' intenzione è quella di dare una parola d'incoraggiamento alle persone che talvolta sono intorpidite da messaggi che propongono stili di vita poco sani, che portano alla depressione, alla tristezza o all'isolamento. RVD vuole comunicare un messaggio alternativo e crediamo che il messaggio dell'Evangelo sia anticonformista, forte e ricco di significato. Crediamo che questo annuncio, se viene compreso, sia un dono di Dio che può cambiare la vita, può dare tanta gioia e aprire orizzonti nuovi.

Comprendiamo che il rischio che corre la nostra radio è quello di dare un taglio religioso a ogni cosa. RVD non ha mai voluto essere una radio per le persone religiose nè vuole impiegare un linguaggio per gli "specialisti" della Bibbia. Avvertiamo questo rischio tutte le volte in cui le trasmissioni in onda appartengono ad un ambito "parrocchiale" con musica spesso di scarso valore e con testi talvolta improvvisati, validi certo per un gruppo di amici ma non per un pubblico più ampio. L'impegno ora e per il futuro è quello di salire più in alto per un confronto con le persone che ancora non credono, o che si sono allontanate dalla fede.

RVD, fin dalla sua nascita desidera "proporre"; abbiamo sempre ascoltato con una certa sfiducia le persone che con troppa sicurezza ci hanno indicato qual è la strada giusta e quale è quella da evitare. La nostra e Vostra radio è sempre stata una voce nel deserto. Il deserto può rappresentare tante cose, anche la difficoltà ad orientarsi. Di fronte alle recenti tragedie spesso la gente ha paura. Attraverso la radio cerchiamo di esprimere i problemi che la gente spesso non riesce a riconoscere, cerchiamo di dargli un nome e di guardarli attraverso la lente dell'Evangelo. Tuttavia non è facile dare delle risposte perchè spesso non le abbiamo. Raccontiamo allora i nostri sentimenti, raccontiamo la Bibbia dove talvolta il male e il dolore prevalgono, spesso prevalgono anche sul giusto. Ma Dio è vicino nel dolore, per consolare.

La Redazione